QUANDO EFFETTUARE LA PRIMA VISITA OCULISTICA?

Quando effettuare il primo controllo ortottico e oculistico, è una delle domande che spesso mi pongono pazienti, amici e parenti. Purtroppo nonostante le conoscenze che si hanno oggi in materia, ancora molti risultano i bambini già in età della scuola dell’obbligo, che non hanno mai effettuato una visita oculistica. Spesso il fatto che il bambino in età infantile riesca a trovare anche la più piccola briciolina su un pavimento colorato, non è segnale di una visione perfetta.
L’occhio infatti è un organo molto complesso, è il primo organo che si sviluppa (basti pensare che a sette anni di età, è già delle dimensioni di un occhio di un adulto) ed è anche il primo organo che si ‘invecchia’ (dopo i quarant’anni molti di noi hanno bisogno degli occhiali per lettura). Lo sviluppo e la maturazione di tutto il sistema visivo avviene dunque entro i sette/otto anni di età. Dopo questa data infatti risulta essere più difficoltosa ad esempio la rieducazione di un occhio ambliope ( più comunemente definito occhio pigro).

È per questo che è consigliabile effettuare il primo controllo almeno entro i tre anni di età, per scongiurare eventuali problematiche che se scoperte in età più avanzata, si riabilitano più lentamente. Non bisogna infatti temere che il bambino sia troppo piccolo e poco collaborante. Le visite ortottica ed oculistica, possono essere effettuate sia in modo oggettivo (senza la collaborazione del piccolo) che in modo soggettivo ( tenendo presente le risposte del paziente).

È bene inoltre osservare il proprio bambino.

Alcuni atteggiamenti “anomali” possono indicarci la presenza di alterazioni dell’apparato visivo, sia di tipo refrattivo che di tipo oculo-muscolare. In presenza anche solo di uno di questi consigliamo di sottoporre il bambino ad una visita ortottica ricordando che una diagnosi precoce è alla base di un’efficace terapia.
È fondamentale sottoporre i vostri bambini ad una visita oculistica e ortottica prima dei 3 anni e dei 6 anni d’età, anche qualora non si noti nulla di sospetto.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *