QUALI SONO I SINTOMI OCULARI NEI BAMBINI? COME RICONOSCERLI?

Abbiamo più volte sentito parlare dei sintomi oculari del Covid negli adulti, ma quali sono invece i segnali di allarme nei bambini?

Sappiamo che il Sars- CoV-2 è un virus nuovo, ancora non del tutto conosciuto, ma riportiamo integralmente un articolo della Iapb Italia:

Secondo uno studio pubblicato su “Jama Ophthalmology” recuperano dopo la guarigione 216 casi analizzati a Wuhan: secrezione congiuntivale, sfregamento degli occhi e congestione congiuntivale sono i disturbi oculari pediatrici prevalenti legati al COVID-19.

In uno studio dell’Università di Scienza e Tecnologia di Huazhong[1], con sede a Wuhan, epicentro della pandemia di SARS-CoV-2, sono stati indagati gli esiti e le manifestazioni oculari nei bambini affetti da coronavirus. In particolare, sono stati analizzati i fattori clinici legati al manifestarsi di sintomi visivi durante il decorso della malattia.

Se per il nuovo coronavirus, noto come sindrome respiratoria acuta grave “coronavirus 2”, sono stati segnalati alcuni casi di pazienti adulti con disturbi oculari, poco si conosce delle manifestazioni nei bambini affetti dal virus. Rispetto agli adulti, infatti, la sintomatologia nei bambini con SARS-CoV-2 può essere molto diversa in termini di esposizione, caratteristiche cliniche e manifestazioni oculari.

A partire da queste premesse, è stato eseguito uno studio retrospettivo sulle caratteristiche cliniche e oculari dei pazienti pediatrici con COVID-19, tutti provenienti dal Wuhan Children’s Hospital di Wuhan, in Cina, l’unico ospedale designato per il trattamento di bambini affetti dal virus. I casi analizzati riguardano 216 bambini ospedalizzati con COVID-19 a Wuhan dal 26 gennaio al 18 marzo 2020.

Le informazioni demografiche e le manifestazioni cliniche dei pazienti sono stati raccolti attraverso la revisione della cartella clinica, includendo il sesso, l’età, la storia di esposizione, l’anamnesi, l’insorgenza dei sintomi, il tempo di degenza, i risultati diagnostici e i test di laboratorio. Ulteriori informazioni sono state raccolte attraverso l’uso di questionari elettronici riguardanti l’insorgenza e la durata dei sintomi oculari, oppure tramite visite di follow-up.

Su un totale di 216 casi analizzati, 49 bambini (22,7%), con un’età media attorno ai 4 anni, hanno riportato vari sintomi oculari durante l’infezione da COVID-19. Tra questi si evidenziano la secrezione congiuntivale (55,1%), lo sfregamento degli occhi (38,8%), la congestione congiuntivale (10,2%), il dolore oculare e il gonfiore delle palpebre (8,2%). I sintomi oculari sono durati in media 7 giorni.

Inoltre, i bambini con sintomi iniziali, quali febbre o tosse, avevano maggiori probabilità di sviluppare sintomi oculari, che erano lievi e miglioravano con l’utilizzo minimo di collirio o con l’autoguarigione. In relazione alla storia clinica dei pazienti, la rinite (11,6%) è stata il disturbo maggiormente riscontrato. Tutti i pazienti sono guariti e sono stati dimessi senza complicazioni importanti.

Sebbene non sia stata riportata un’ampia casistica di sintomi oculari nei bambini con COVID-19, siamo di fronte ad uno dei primi studi che ha provato ad analizzare nel dettaglio questo tipo di disturbi. La correlazione tra sintomi oculari e COVID-19 rimane alquanto controversa, ma i risultati di questo studio offrono indicazioni utili per migliorare la comprensione e la gestione dei disturbi oculari, con la possibilità di sviluppare strategie di prevenzione sempre più efficaci per i bambini contagiati.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *