PARALISI DEL VI NERVO CRANICO

Il VI nervo cranico e’ il nervo che  irradia il muscolo retto Laterale che  ruota l’occhio in fuori. La sua paralisi comporta una esotropia (strabismo convergente). L’esotropia e’ maggiore quando si guarda da lontano e quando si guarda dal lato del nervo paralizzato.
Le cause piu’ frequenti sono : ictus, trauma, malattie virali, tumori cerebrali, infiammazioni, infezioni, emicrania ed aumento della pressione intraoculare. La condizione puo’ essere presente alla nascita ; tuttavia la causa piu’ comune di paralisi dei bambini e’ il trauma. La causa piu’ comune negli adulti e’ l’ictus. Alcune volte la causa puo’ restare ignota nonostante accertamenti approfonditi. Il sesto nervo cranico ha un decorso molto lungo tra l’encefalo ed il muscolo retto laterale e in base alla localizzazione del danno altre strutture neurologiche possono essere coinvolte. Si possono associare quindi perdita dell’udito, paresi del facciale, ptosi o altre anomalie dei movimenti oculari.
Le Paralisi virali di solito regrediscono completamente. Le paralisi post-traumatiche regrediscono parzialmente. Il massimo miglioramento avviene solitamente nei primi 6 mesi ma sono possibili regressioni anche dopo 2 anni.
La Diplopia e’ il sintomo principale nelle forme acquisite. Essa e’ minore nella visione per vicno che per lontano e maggiore nel campo di azione del muscolo coinvolto. Nei bambini e’ piu’ frequente lo sviluppo di ambliopia.
I prismi possono eliminare la diplopia in posizione primaria : dritto davanti ma non in tutte le direzioni. Il potere del prisma puo’ essere ridotto a mano a mano che la paralisi migliora. L’iniezione di tossina botulinica nel muscolo retto mediale (antagonista omolaterale) puo’ essere un’opzione entro il primo mese dall’insorgenza della paralisi. L’occlusione di un occhio deve essere attentamente controllata nei bambini per il pericolo di insorgenza di ambliopia.
Dopo il periodo di osservazione (minimo 6 mesi) e’ possibile eseguire una chirurgia sui muscoli extraoculari per ottenere l’allineamento oculare ed ampliare il campo di visione binoculare

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *