PARALISI DEL III NERVO CRANICO

Il terzo nervo cranico controlla i movimenti di 4 muscoli che spostano l’occhio in alto, basso, all’interno e in torsione. Questo nervo controlla anche i movimenti della pupilla, la palpebra superiore e l’accomodazione.

In caso di paralisi del III nervo cranico, essa puo’ essere completa o parziale. In caso di paralisi completa vi e’ una ptosi totale ( la palpebra è abbassata completamente) e l’occhio e’ fisso in fuori ed in basso; la pupilla e’ dilatata e non reagisce alla luce. La paralisi parziale colpisce in varia misura le funzioni controllate dal nervo.
La maggior parte dei bambini sopra i 10 anni e gli adulti avvertono diplopia. Se la ptosi e’ totale la diplopia puo’ essere percepita solo sollevando la palpebra. I bambini piccoli di solito non si lamentano di diplopia.
La paralisi del III nervo cranico puo’ essere congenita e la causa puo’ non essere chiara.

Le paralisi acquisite possono essere causate da traumi cerebrali, infezioni virali, tumori aneurismi , diabete e ipertensione.
Spesso si sviluppa ambliopia nell’occhio colpito e puo’ essere necessario trattare con occlusione dell’occhio sano fino all’eta’ di 9 anni.

I bambini con paralisi completa del terzo nervo cranico NON sviluppano la visione binoculare se non alcune rare volte tramite una Posizione anomala del capo. Una forma parziale invece puo’ associarsi allo sviluppo della visione binoculare.
La paralisi totale ha purtroppo una prognosi infausta per la visione binoculare. E’ possibile tramite la chirurgia ottenere un grossolano riallineamento oculare in posizione primaria spesso senza eliminare la diplopia. Nel caso invece delle paralisi parziali la chirurgia puo’ essere di grande aiuto per riallineare gli occhi e per riesercitare la visione binoculare

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *