NON VEDO PIU’ DA VICINO: COS’E’ LA PRESBIOPIA?

Abbiamo già largamente parlato di come sia importante effettuare una visita oculistica e ortottica in tenera età, (3 anni) poichè l’occhio di un bambino di sette anni è gia un occhio adulto.

L’occhio è infatti il primo organo che si matura, e anche il primo ad ‘invecchiare’. A circa 40 anni infatti quasi tutti noi (tranne i miopi) abbiamo bisogno di un paio di occhiali per vicino. Si diventa PRESBITI

La presbiopia si manifesta con una riduzione della visione da vicino. Se hai la necessità di allontanare il giornale o il cellulare per mettere a fuoco le lettere, potresti essere diventato presbite.

I principali disturbi della presbiopia sono la difficoltà di lettura, lo sdoppiamento delle lettere, l’affaticamento visivo nella lettura prolungata, l’arrossamento degli occhi, bruciore e mal di testa. Dopo i 40 anni, quando l’occhio mette a fuoco le immagini con sempre maggiore difficoltà. Dopo questa età, infatti, l’occhio normale (emmetrope) continua a vedere bene da lontano, ma perde progressivamente la capacità di vedere da vicino.
La presbiopia è causata da un progressivo indurimento del cristallino, la cui parte centrale (nucleo) perde acqua e si indurisce; così aumenta il suo indice di rifrazione diventando incapace di modificare la forma del cristallino stesso per la messa a fuoco. La curvatura del cristallino aumenta e così la sua capacità di convergenza: il risultato è che il punto prossimo, cioè il punto più vicino che si riesce a mettere a fuoco con il massimo potere di accomodazione, si allontana progressivamente, e per questo motivo non si vede più bene da vicino.
La presbiopia non è una patologia, ma un processo fisiologico che avviene in tutti gli individui sopra i 40 anni, a prescindere dal sesso. Si tratta di una naturale evoluzione dell’occhio, per cui è inevitabile, con il passare degli anni, la perdita di elasticità del cristallino. Per correggere la presbiopia si ricorre a un paio di occhiali o a lenti a contatto generalmente di tipo multifocale. In oculistica non mancano, tuttavia, per la presbiopia così come per l’ipermetropia, alternative date dalla chirurgia e dal laser.

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *