MACULOPATIA: UNA LENTE INTRAOCULARE PUÒ SALVARE LA VISTA

Una lente speciale, da inserire nell’occhio con un intervento simile a quello della cataratta, ridona la vista centrale ai malati di maculopatia, nelle sue varie accezioni. La lente è stata messa a punto dal dottor Federico Badalà, insieme con i colleghi inglesi del London Eye Hospital e dell’università di Murcia (Spagna). Una tecnica sperimentata dal dicembre 2015, i cui primi risultati clinici sono stati presentati dal dott. Badalà a settembre 2016 al Congresso della Società europea di chirurgia della cataratta e chirurgia refrattiva a Copenaghen, e che si sta diffondendo (da settembre prossimo si prevede possa essere a disposizione della platea allargata dei pazienti), anche se attualmente il dott. Badalà è l’unico in Italia ad applicarla.

A differenza delle altre lenti intraoculari la lente EyeMax è stata progettata per offrire una innovativa ‘widescreen-view’ cioè una vista a larghezza di campo aumentata. Questa lente intraoculare infatti ingrandisce l’immagine e la proietta su tutta la macula periferica e non più sulla parte centrale della macula danneggiata dalla maculopatia.

La maculopatia è una malattia oculare molto diffusa e che presenta diverse forme: c’è la maculopatia senile (la più diffusa e l’unica su cui esista una casistica: solo questa forma colpisce 32 milioni di persone al mondo, in Italia interessa circa il 2% della popolazione e il 20% della popolazione over 55, equivalenti a oltre un milione di pazienti, con circa 63.000 nuovi casi all’anno), ma anche il foro maculare, la maculopatia legata al diabete, alla miopia, ad alcune malattie genetiche. Può quindi colpire a tutte le età. E finora è una malattia irreversibile, curabile soltanto in alcuni casi specifici, ma il cui decorso può essere soltanto rallentato. La nuova tecnica, messa a punto dal dott. Badalà e dai colleghi inglesi e spagnoli, «si applica nei casi in cui esiste un danno della vista. Cosa fa questa tecnica? Il malato di maculopatia ha una perdita della visione centrale, quindi se lui guarda dritto davanti a sé non vede. Faccia conto che lei è davanti a me in questo momento e io soffro di maculopatia: io non vedo la sua faccia, ma vedo quello che accade attorno a lei nella stanza. Questo avviene perché la mia visione centrale è rovinata, ma la mia visione periferica resta buona. La nuova tecnica consiste nell’impiantare all’interno dell’occhio – con un intervento del tutto simile al normale intervento di cataratta – una lente sofisticata, EyeMax, che ingrandisce le immagini e le invia ad alta qualità sulla macula periferica. Quindi, sostanzialmente permette al paziente di vedere davanti a lui quello che prima vedeva di lato. La tecnica consiste sostanzialmente nello spostare le immagini, per cui è come se questa macchia che lei ha nella sua visione centrale si spostasse di lato. E siccome questa macchia si sposta di lato, lei riprende a vedere».

fonte:

www.microchirurgiaoculare.com

www.lasicilia.it/news/sicilians/75340/speciale-lente-targata-catania-restituisce-la-visione-centrale-ai-malati-di-maculopatia.html

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *