DISPRASSIA E ORTOTTICA

La disprassia è un disturbo della coordinazione motoria o del comportamento.

Non sempre la disprassia interviene in modo importante nella vita di un bambino e, per questo, la linea di confine tra disprassico/non disprassico può essere davvero molto sottile.

Un bambino disprassico ha difficoltà nella coordinazione dei movimenti.

La disprassia, in un bambino perfettamente sano, si può manifestare in diversi modi: difficoltà a compiere gesti come allacciarsi le scarpe, problemi di coordinazione oculo-manuale e di auto-posizionamento nello spazio, difficoltà nell’imparare ad andare in bicicletta, a salire le scale o a tirare un calcio a un pallone o anche disgrafia.

La “diagnosi” di disprassia viene emessa dal pediatra o dal neuropsichiatra infantile solo dopo aver osservato l’aderenza del bambino alle tappe dello sviluppo neuromotorio.

In caso, è bene intervenire per tempo con un percorso di neuropsicomotricità personalizzato.

Molto importante in caso di disprassia oculare, sono gli esercizi ortottici che mirano a  organizzare la coordinazione oculo manuale.

Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l’azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità.

Per sviluppare questa capacità occorre far eseguire esercizi e compiti che ne richiedano l’utilizzo, partendo dalle forme più semplici e grossolane per via via accrescere la finezza e la complessità dell’esecuzione.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *