COS’È L’OCT?

L’OCT è un esame diagnostico per immagini non invasivo che permette di analizzare la retina e, in particolare, la macula (area centrale del tessuto retinico che ci consente di leggere, vedere i volti, ecc.). Ci permette di studiare anche la cornea è la testa del nervo ottico.
L’OCT – acronimo di Optical Coherent Tomography (tomografia a coerenza ottica) – fornisce una serie di immagini di sezioni trasverse della retina stessa. Quindi, ci dà informazioni preziose sul suo spessore, sulla sua conformazione e sul rapporto tra i vari strati che la compongono.

Questo prezioso strumento, scatta una serie di fotografie della retina sfruttando il riflesso dei raggi laser infrarossi inviati su di essa; è comunque un esame preciso perché, grazie agli apparecchi di ultima generazione, si arriva a una risoluzione elevata (nell’ordine dei micrometri).

Con l’ OCT si rilevano e si quantificano eventuali alterazioni, soprattutto della macula. Le fotografie retiniche scattate a diverse profondità sono chiamate “tomogrammi”.

Ormai l’OCT è considerato un esame strumentale complementare alla fluorangiografia .
Viene usato più frequentemente nelle seguenti patologie:

degenerazione maculare legata all’età (AMD)
membrane epiretiniche (pucker maculari)
èdema maculare
corioretinopatia sierosa centrale (vedi maculopatia)
fori maculari (in questo caso l’OCT permette di riconoscere i diversi stadi evolutivi ed è, quindi, utile anche per la prognosi).

glaucoma

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *